Cerca English (United States)  Italiano (Italia) Deutsch (Deutschland)  Español (España) Čeština (Česká Republika)
sabato 18 settembre 2021 ..:: Grandinote Shinai ::..   Login
Navigazione Sito

 Grandinote Shinai Riduci

GRANDINOTE. STORIA DI UNA PASSIONE.

Massimiliano Magri, patron della Grandinote.

 

Non capita tutti giorni la fortuna di avere in casa un progettista audio, una persona in grado di materializzare in un oggetto il desiderio di "bel suono" che ogni audiofilo nutre. L'ingegner Massimiliano Magri è uno di questi, vero "One Man Band" che sa molto bene come debba suonare un'amplificazione "Top" e soprattutto come fare a raggiungere quest'arduo obiettivo. E' il "come debba" che deve suggerire qualche riflessione, dal momento che non esiste "il" suono definitivo ma uno dei tanti possibili, individualmente dettato dalla sensibilità, cultura e inclinazione personale del suo ideatore. Non esistono insomma ricette infallibili, soluzioni "Prêt à porter" che possano condurre a un risultato che sia veramente fuori dal coro, ma un percorso personale fatto di sudore e lacrime che può anche durare una fetta consistente della propria esistenza. E' mia personale convinzione che le storie vadano ascoltate dalla viva voce di chi le racconta e il nostro amico si rivela un formidabile narratore, in grado di rievocare vecchi ricordi d'infanzia collegandoli al "fil rouge" che ci traghetta verso il perché e il per come dei nostri giorni. E' nato tutto per passione poi si è trasformato in ossessione. Max è sempre stato patito di elettronica, fin da bambino tra i suoi giochi preferiti c'era quello di divertirsi a tirare fili per la casa, non andava ancora alle elementari ma già gli piaceva illudersi di fare impianti. Attaccava il frigorifero e la lavatrice con il termosifone, nella sua mente di bambino cominciava a formarsi il concetto di catena di elementi. Nacque così una passione per l'elettronica a 360 gradi che si è evoluta nel tempo abbracciando l'ambito digitale e analogico, quello del software, goloso di tutto ciò che fosse conoscenza elettronica ma anche meccanica. Questa visione enciclopedica della materia è proseguita immutata negli anni, i suoi amplificatori sono fatti da lui in toto al 100%, dal design alla ricerca sulle strutture meccaniche, dal progetto del layout, circuiti stampati, software sino agli imballi finali del prodotto, insomma tutto è frutto della sua perseveranza, dalla A alla Z. Superfluo dire che raggiungere questo risultato non è stato agevole ma, alla fine, veramente appagante per lui e per l'eventuale fruitore dei suoi prodotti: va da se che avendo il controllo su tutto l'insieme è più facile ottenere un prodotto valido e dotato di grande coerenza progettuale. Verità sacrosanta se pensiamo che molti progetti potenzialmente validi sono poi danneggiati da esigenze stilistiche che implicano, per esempio, un case non all'altezza. E' studiando in proprio ogni più piccolo particolare che si crea il giusto equilibrio, si compensa una cosa con l'altra per ottenere un risultato più armonioso, in linea con gli scopi prefissati. Quell'"amor che move il sole e l'altre stelle" l’ha reso bulimico di conoscenze tecnologiche, pian piano si è evoluto sentendosi a un certo punto all'altezza di coniugare la passione per la tecnologia con quella per la musica e da lì il desiderio di entrare prima come amatore e dopo come tecnico nelle problematiche specifiche della progettazione. Nel 1996, quando studiava ancora ingegneria elettronica a Pavia, costruì il suo primo amplificatore a valvole e ha continuato a farlo dal 1996 al 2000. Dopo il grande fervore di quegli anni è seguito un periodo di calma piatta dal punto di vista realizzativo, ne ha approfittato per raccogliere le sue energie creative e dal 2000 al 2002 si è dedicato anima e corpo allo studio di quella tecnologia, la Magnetosolid, che oggi utilizza in tutti i suoi prodotti. E' stato quindi un periodo d’intensa ricerca, "ho bruciato non so quante casse, altoparlanti e componenti" dichiara Massimiliano. Alla fine dell'estate 2002 il grande passo, la prima realizzazione in Magnetosolid, un prototipo su un asse di legno portato a casa di un amatore di Voghera, possessore all'epoca di un finale Jadis JA 30 e preamplificatore Cello Palette. Quel fatidico giorno c'era lui, l'appassionato di Voghera e l'elettroacustico Giorgio Montagna, creatore del diffusore Spark 03, altro grande italiano nel firmamento dell'audio di classe. Massimiliano lo conosceva già da tempo: nel periodo universitario era stato il suo garzone e andava ad aiutarlo nel laboratorio. Montagna rimase favorevolmente impressionato da quel prototipo "crocefisso" su un asse di legno tanto che gli disse: "Max, alla prossima fiera vedrò di fare delle casse all'altezza del tuo ampli", così si presentarono entrambi alla mostra Milano Hi-End di Stefano Zaini, Giorgio con i suoi prototipi che vantavano l'utilizzo del famoso medio a cupola da 100 mm con magnete in Maxalco e Max con il suo neonato  Magnetosolid. Dove le casse di Montagna primeggiavano (e primeggiano) è sul dettaglio, la velocità dei componenti; la leggerezza della membrana e degli equipaggi mobili, unita alla potenza dei magneti fanno di questi trasduttori un qualcosa di davvero eccezionale. Il progettino presentato su un semplice asse di legno riscosse un buon successo è finì allora dentro tre scatolette dando vita all'Essenza, integrato in tre telai che rappresentò una vera propria palestra. Il 2005 fu di cruciale importanza per la ditta di Bressana Bottarone, un anno che coincise con il lancio sul mercato del primo amplificatore "serio", l'A Solo, modello che ha avuto il merito di rendere famoso il marchio e la tecnologia Magnetosolid segnando la nascita ufficiale dell'azienda Grandinote.


LA TECNOLOGIA MAGNETOSOLID.

Fiore all'occhiello della Grandinote, questa filosofia/tecnologia è frutto di vari anni di ricerca che l'ingegner Massimiliano Magri ha portato avanti nel campo dell'elettronica audio applicata alle amplificazioni. Si basa fondamentalmente sull'interazione di componenti a stato solido e dispositivi ferromagnetici, l'unione dei due termini "magnetici" e "solido" sta all'origine della definizione. Più semplicemente possiamo pensare a un amplificatore valvolare cui siano stati rimossi i tubi e sostituiti con componenti a stato solido, quindi transistor dove servono i transistor, JFET dove servono gli JFET e MOSFET dove servono i MOSFET. Il patron del marchio pavese, da ingegnere elettronico si è sempre chiesto perché gli amplificatori a valvole riuscissero a comunicargli una magia che quelli a transistor non avevano. La soluzione al suo quesito è giunta studiando i parametri elettrici dei componenti a stato solido in cui si è accorto che questi ultimi superano di gran lunga quelli delle valvole. L'unico parametro in cui il 90% dei dispositivi a stato solido è inferiore a quello delle valvole è la capacità d'ingresso e, in generale, le capacità parassite. Fortunatamente il ventaglio di dispositivi "solidi" è molto più ampio rispetto a quello dei tubi (assimilabili alle tre classi dei triodi, tetrodi e pentodi), in particolare dei buoni JFET hanno capacità parassite paragonabili se non addirittura uguali a quelle delle valvole rendendo così possibile una sostituzione alla pari, vera "conditio sine qua non" possa attuarsi quest’originale tecnologia. Di conseguenza si utilizzano dei JFET dove serve, cioè all'ingresso, in quanto così riusciamo a interfacciarci egregiamente con quello che sta a monte del nostro amplificatore. A valle degli JFET invece vengono adoperati dei BJT Darlington, i quali hanno capacità più elevate rispetto a quelle delle valvole però fanno si che, grazie alla bassissima impedenza d'uscita del circuito a JFET, si ottengano delle costanti di tempo, coniugate alla capacità d'ingresso più elevata dei Darlington, molto più distanti dalla gamma audio rispetto a quelle che si verificano con le valvole. Paradossalmente quindi riusciamo ad avere risultati migliori in termini di risposta, pur avendo capacità più elevate, pilotandoli con circuiti a più bassa impedenza d'uscita. E' un discorso tecnico complesso ma, se davvero si vogliono comprendere i principi della Magnetosolid, non può essere bypassato. In più si è riusciti nell'intento di ottenere tutti gli interfacciamenti da stadio a stadio, che comunque sono pochi trattandosi soltanto di tre stadi di segnale più uno d'uscita, tutti accoppiati in corrente, senza l'utilizzo di condensatori sul percorso del segnale, altro vantaggio non da poco. Il punto critico sta nel selezionare accuratamente i componenti, Max mi confida che ha appena ordinato 1000 JFET e sa già a priori che 900 finiranno nel cestino. Soltanto quelli che rispondono a strette specifiche, necessarie all'alto obiettivo qualitativo che si è posto di conseguire, passano l'esame, per tutti gli altri non c'è speranza. Ma perché complicarsi la vita? In fondo sarebbe più semplice usare le valvole poiché, paradossalmente, sono più simili l'una all'altra rispetto agli JFET ed evitano uno snervante lavoro di cernita. La risposta è negativa, purtroppo il risultato sonoro finale non sarebbe lo stesso. Altro scoglio da superare sono i trasformatori d'uscita, croce e delizia sia dei valvolari sia dei Magnetosolid, che vanno attentamente selezionati. Anche in questo caso se le cose vengono fatte bene, vagliandoli con cura e bilanciando abilmente tutti i compromessi che ogni progetto inevitabilmente ha, si riescono a ottenere cose pregevoli. La tecnologia brevettata "Magnetosolid" è stata quindi il frutto di una lunga ricerca con un affinamento progressivo avvenuto nel tempo. I passi avanti compiuti sono stati considerevoli: se confrontiamo l'A Solo con l'ultimo nato Shinai notiamo che, pur avendo la stessa potenza, presentano una differenza di suono abissale.


QUALCHE NOTA SULLE POLITICHE COMMERCIALI.

Ogni azienda che si rispetti, piccola o grande che sia, oltre all'aspetto tecnico deve curare anche quello commerciale-distributivo. Alla Grandinote il delicato compito è affidato al professor Giancarlo Maurizio Malvestito, docente alla facoltà di Economia e Commercio dell'università di Pavia, personaggio poliedrico se pensiamo che è stato anche ex chitarrista del gruppo "Le figure di cartone"e ha suonato come "session man" con Gino Paoli e "I nuovi angeli". Max è legato a lui da una profonda amicizia, un rapporto di stima che si protrae integro nel tempo e che ha fatto di lui una figura insostituibile nell'economia dell'azienda. Dall'amichevole colloquio trapela la soddisfazione nel sapere che chi ha in casa il logo Grandinote sia un audiofilo molto felice e, affinché continui a esserlo, si sta attuando una politica per la quale vengono ritirati gli "A Solo" vecchi (ovviamente per chi fosse interessato), e fornito uno Shinai praticamente a prezzo di costo. L'idea non è certamente redditizia dal punto di vista economico ma decisamente encomiabile perché premia la fedeltà del cliente. La "scintilla" è scoccata da una semplice constatazione: diversi clienti affezionati possessori dell'A Solo, quando hanno ascoltato il "Prestigio" sono rimasti quasi mortificati dalla differenza che c'era tra uno e l'altro, allora si è pensato al "consolatorio" Shinai che, in termini d'ingombro e potenza è simile all'A Solo ma offre molto di più nella qualità del suono. Il sistema di vendita adottato è una specie di porta a porta in cui il prodotto viene portato al domicilio del cliente per una dimostrazione in loco, nel proprio ambiente d'ascolto e nel proprio impianto, cui potrà seguire o no l'acquisto. Si è voluto instaurare un rapporto diretto e cordiale con l'appassionato, realizzare una politica commerciale ben precisa che consente di aggirare la difficoltà che ha una "piccola" ditta come la Grandinote di entrare nel giro di una rete commerciale già stabilmente definita. Diventa prioritario quindi proporre una politica innovativa, fatta di un rapporto quasi artigianale con il cliente, cosa che è preclusa ai grossi distributori. E poi... quale miglior modo c'è di valutare un oggetto se non inserendolo nel proprio "habitat" sonoro!


LO SHINAI, EVOLUZIONE DELLA SPECIE.

 

 

Quest’amplificatore integrato porta un nome piuttosto suggestivo. Lo shinai, infatti, è una spada usata per fare pratica con il kendo e utilizzata anche in altri tipi di arte marziale. Il termine deriva da "shinai-take" ossia "bambù flessibile" anche se i kanji (caratteri di origine cinese usati nella scrittura giapponese) sono quelli di "spada di bambù". In una descrizione essenziale potremmo dire che è un classe A con tecnologia Magnetosolid da 37 watt per canale a zero feedback, con due ingressi bilanciati (XLR) e due sbilanciati (RCA). Facendo riferimento a un altro modello della produzione Grandinote può essere considerato un "Prestigio" in piccolo nel senso che il fratello maggiore è già da un anno e mezzo sul mercato e vanta performance superiori nella potenza, avvantaggiandosi anche di una lieve superiorità sonica. Il primo prototipo dello Shinai è stato definito circa 11 mesi fa, subito dopo presentato in anteprima a una fiera romana. Pur essendo un "Dual Mono" (così "Dual" che se lo tagliassimo a metà con una sega circolare continuerebbe imperterrito a funzionare) adotta lo stesso telaio del Prestigio, il quale invece è un monofonico da 60 watt. Far stare nello stesso vestito due apparecchi così differenti ha impegnato non poco il progettista in fase d'ingegnerizzazione del prodotto. Nella prima versione i due amplificatori monofonici erano speculari, esisteva cioè una scheda sinistra e una destra con dei passaggi diversi a livello di piste tra i due lati e questo per una questione pratica di layout dei connettori. Già però nella fase di disegno delle schede Max si rese conto che gli veniva molto più naturale la pianificazione delle piste della parte sinistra, confrontando poi i due canali si sentivano delle piccolissime differenze di suono a favore del canale sinistro, dovute al layout più pulito. Così, tolto il prototipo, giunse alla decisione di non usare più schede destre ma solo sinistre adottando l'eccentrica configurazione di due schede sinistre ribaltate una rispetto all'altra a costituire i due canali. Ecco perché osservando il pannello posteriore si nota che il posizionamento dei connettori è rovesciato. Negli ultimi tre mesi si può dire che lo Shinai abbia raggiunto la maturità, sfociata in una versione definitiva, sono passati quindi sette mesi dall'inizio di un progetto di grande impegno, imperniato su un infaticabile lavoro di ottimizzazione che salpa dalla prima macchina per approdare ai modelli definitivi. Quello che ho avuto l'onore di avere in casa è il quarto esemplare prodotto: nella fotografia del pannello posteriore lucidato a specchio, si legge chiaramente il numero "00004". Ritornando a bomba al nome dato al modello, Max mi confida che Dimitri Toniolo di MadForMusic gli aveva chiesto di creare un'elettronica da abbinare ai diffusori monovia studiati e realizzati da lui, un'amplificazione da dedicare alle sue creature per far si che si esprimessero al meglio. Naturale che Dimitri abbia voluto lasciare traccia di un suo tratto personale in quest'oggetto. Durante un viaggio fatto insieme per recarsi una fiera, Max si era concentrato sul nome da dargli; in considerazione del fatto che il titolare di MadForMusic, esperto di arti marziali, è stato campione nazionale di Judo, ha cercato di escogitare un nome che rammentasse la sua passione per lo sport. Tra i papabili c'era "spada", il modello di una bicicletta da corsa a cronometro Pinarello, ritenuto suggestivo da Max ma Dimitri di rimando ha invece preferito quello della spada di bambù adoperata per l'allenamento nelle arti marziali, di comune accordo fu scelto in definitiva quest'ultimo. Tra lo Shinai e il Prestigio la differenza sonica è minima, a meno che non gli vengano collegate delle casse super-impegnative; la forchetta si allarga invece quando i diffusori da pilotare cominciano a essere veramente "difficili" e i 23 watt in più del Prestigio hanno buon gioco nell'erogare quel surplus di corrente in questi casi risolutiva. Nel parallelismo tra i due amplificatori non possiamo esimerci dal rammentare come il Prestigio sia stato pensato nell'ottica multitelaio, strizza l'occhiolino alla multiamplificazione, una macchina quindi più potente e versatile del "compatto" Shinai. Max d'altronde mi confessa di non amare molto la configurazione pre più finale, il fatto di esserci un altro cavo in mezzo, per lui che ama i circuiti molto essenziali, non è visto con favore. Se sullo Shinai si fosse adottata la configurazione classica (pre più finale) si sarebbero dovuti utilizzare oltre ai cavi e le connessioni anche due stadi in più: lo stadio d'uscita del preamplificatore e lo stadio d'ingresso del finale, mentre nella soluzione monotelaio "Dual Mono" è possibile coniugare le doti dei due finali con quelle dell'integrato. Un altro deciso colpo d'ala è quello dell'uso dei super-trasformatori chiamati "BHP" e che prendono il nome di "Essenza", il primo amplificatore progettato e prodotto in casa Grandinote, mentre sul Prestigio portano il nome di "Divina". Nell'ottica della massima soddisfazione del cliente, si da la possibilità a chi compra lo Shinai o il Prestigio, un domani, l'anno prossimo o fra 10 anni, di fare l'upgrade da Shinai a Essenza e da Prestigio a Divina, seguendo la logica dell'evoluzione della specie anche quando l'esemplare ha abbandonato il luogo di produzione. Metaforicamente la ditta pavese si comporta come un buon maestro che continua a seguire l'allievo prediletto anche quando ha abbandonato la scuola ed è in grado di camminare con le proprie gambe. Il processo di upgrade consiste nel sostituire i trasformatori e la mascherina che reca il nuovo nome, ridando una garanzia di quattro anni come se l'apparecchio fosse nuovo di zecca. Le PCB attualmente sono ancora assemblate da Max in persona ma è in corso di valutazione la possibilità di far svolgere questo delicato lavoro esternamente, ovviamente accertandosi che la scheda e i componenti forniti siano assemblati a regola d'arte. Conoscendo il perfezionismo del progettista credo che non sarà una decisione presa a cuor leggero. Sul problematico versante dei trasformatori, che tanta parte hanno nella definizione della qualità di un amplificatore, le interazioni che si hanno tra le polarizzazioni adottate e il trasformatore stesso, specie quando non si lavora più con le valvole (quindi con correnti molto basse), sono certamente diverse quando si utilizzano componenti a stato solido, i quali per definizione erogano correnti elevatissime. Lo Shinai non si sottrae alla regola per cui molte parti meccaniche e le schede sono fatte su specifica, appoggiandosi su una serie di terzisti validi e affidabili. Il telaio è particolarmente leggero e robusto. Lo chassis dei primi Prestigio rilasciati era costituito da due gusci di diversa colorazione (nero e bianco) e, pur facendo lievitare il peso dell'amplificatore di cinque Kg, era tuttavia meno rigido. La successiva ricerca sui materiali ha condotto a un notevole risparmio di peso, così il peso complessivo della macchina è passato da 35 a 30 Kg con il vantaggio di una maggior rigidità. Lo Shinai dal canto suo è passato invece da 45 a 40 Kg. Altra finezza: i quattro piedini posti sotto l'apparecchio non hanno una disposizione simmetrica ma sono collocati in funzione della distribuzione delle masse presenti all'interno. Come dicevamo grande importanza viene data alla struttura del cabinet, decisivo ai fini non solo della schermatura dai disturbi EMI e RFI ma soprattutto per la stabilità meccanica. Consideriamo che nell'ambiente dove si ascolta nulla è fermo ma tutto viene sollecitato dai moti vibrazionali, le parti elettroniche diventano così dei microfoni "passa basso" i cui effetti sono più sensibili nella parte inferiore dello spettro, smaltire certe energie piuttosto che lasciare indisturbata la loro deleteria azione è un fattore prioritario che va attentamente preso in considerazione. In considerazione di questo il posizionamento dell'amplificatore deve essere preciso, assolutamente non davanti ai diffusori (questo vale non solo per lo Shinai ma per qualsiasi altro), ma dietro di essi, evitando l'investimento diretto dell'energia acustica che si sprigiona dai diffusori. Il controllo del volume è sviluppato seguendo una filosofia ibrida che ha dato grosse soddisfazioni al progettista. Il notevole calore sviluppato dalla classe A ha indotto alla ricerca di un sistema di smaltimento particolarmente efficiente, quello adottato sullo Shinai consiste nel montare le schede in verticale e non, come di solito avviene, in orizzontale. In tal modo la dissipazione del calore viene agevolata da un sistema di circolazione dell'aria a "termosifone", dal basso verso l'alto. Ci sono tre camere di dissipazione ben distinte: la camera centrale che ospita i dispositivi attivi di potenza e le due laterali che invece contengono le schede. La perfetta e totale separazione tra i due canali è testimoniata dal fatto che sul pannello posteriore ci sono non una ma due vaschette IEC distinte per il collegamento dei cavi d'alimentazione.


LE CARATTERISTICHE TECNICHE DELLO SHINAI.

- Amplificatore integrato stereofonico
- Potenza nominale 37 watt su 4 e 8 ohm
- Coefficiente di smorzamento superiore a 150
- Risposta in frequenza da 2 Hz a 240 kHz
- Due ingressi sbilanciati RCA
- Due ingressi "Full balanced" XLR
- Tensione d'ingresso di saturazione 300 mV RMS
- Classe "A"
- Nessuna retroazione
- Full Dual Mono
- Peso 40 Kg
- Tensione d'alimentazione 230 V
- Assorbimento 220 watt
- Tecnologia Magnetosolid

 


LO SHINAI, UNA FORMIDABILE LAMA DI LUCE.

Daniele e Max.

Questo il setup, protagonista di una seduta d'ascolto durata diverse ore:

- Amplificatore Grandinote Shinai
- CD Player Rotel RCD 1070
- Diffusori Dynavoice Definition DF-6
- Cavo di segnale Fluxus Litz 2*70 S
- Cavi di potenza Fluxus Litz 900.

Non mi ci è voluto molto a capire di trovarmi al cospetto di un'amplificazione di livello assoluto, in grado di offrire le migliori qualità che si possano pretendere dalla tecnologia valvolare e a stato solido. Da questo punto di vista sono persuaso che la filosofia/tecnologia "Magnetosolid" rappresenti una soluzione "definitiva" di fronte alle indecisioni che talvolta tormentano l'audiofilo, diviso come l'asino di Buridano tra l'una e l'altra scuola di pensiero. Il cliché che spesso si recita in queste occasioni è "Pugno di ferro in guanto di velluto", certamente valido ma che non esprime compiutamente la complessa eppur granitica personalità del Grandinote, fatta di un modo tutto personale di affrontare i contrasti della musica, in maniera forte e delicata insieme. Si delinea così nell'ascolto la fisionomia di un oggetto che dimostra assoluto rispetto per la materia musicale, efficacemente riprodotta in ogni sua più sottile nuances. Il primo termine che mi viene in mente è quello di "naturalezza", una dote che lo Shinai possiede senza se e senza ma. Non inganna o sorprende con fittizi effetti pirotecnici ma bensì incanala il sovrano incedere del suono in un corso magnificamente fluido e naturale. E' questo che davvero sorprende nello Shinai, cioè la capacità di superare con somma facilità le asperità insite nei brani di più difficoltosa riproduzione, e lo fa con disarmante non chalance. I "soli" 37 watt dello Shinai tirano forte come un toro, fanno davvero paura nella capacità di controllo e di domare i diffusori. I damper messi nel condotto reflex frontale delle mie DF-6, a un certo volume non ne volevano sapere di stare al loro posto ma venivano regolarmente sputati fuori, cosa mai successa non dico con i miei Fenice, poverelli, ma neanche con il finale Rotel RB 1070 da 130 watt per canale, una bestiolina mica da ridere. Nei forti colpi all'unisono di timpani e grancassa del brano "Fanfare for the common man" di Aaron Copland si era considerevolmente vicini a quell'intenso sapore di pelle delle percussioni, l'efficacia del devastante transiente iniziale non metteva assolutamente in crisi lo Shinai, sbalorditivo nella capacità di prendere per mano i woofer delle mie economiche Dyna portandole a vette che non avevano mai raggiunto. Nella suite "Appalachian Spring", sempre di Copland, abbandonata la squassante temperie delle grandi percussioni e dei fortissimo degli ottoni, si veniva immersi in un clima dov'era la raffinatezza timbrica a imporsi, il perfetto bilanciamento tonale corroborato da una non comune finezza di grana del suono. In qualche momento avrei preferito forse un maggior "grip", un sound più graffiante cui anni di frequentazioni "equivoche" mi hanno abituato. Lepidezze a parte, passando da un’amplificazione "normale" allo Shinai forse la prima sensazione che si avverte è proprio quella di un'"eccessiva" levigatezza, praticamente un ossimoro perché la tornitezza in questi casi non è mai esagerata ma indice di distorsioni estremamente contenute, quelle stesse che ti portano a esagerare con il volume e protrarre gli ascolti per ore e ore senza mai avvertire la famigerata fatica d'ascolto. Un'azione dall'effetto rilassante per le mie martoriate orecchie di audiofilo entry level ma non per questo meno credibile e convincente. I piatti della batteria di Jack DeJohnette nello Standard Trio hanno la giusta incisività, il colore ambrato e insieme scintillante del rame e dell'ottone è riprodotto con una superba ricchezza di armonici, così come i secchi colpi di rullante rivelano un mordente forse un tantino addomesticato ma dinamicamente integro. Il cemento costituente l'impasto timbrico-armonico è di una grana impalpabile, una delle migliori che mi sia capitato di sentire, paragonabile a quella di autentici mostri sacri dell'amplificazione High End. Nel corso dell'audizione, in cui abbiamo ascoltato i più svariati generi musicali, si va profilando un'altra virtù dello Shinai: il grande controllo, da stato solido di razza, sulle membrane degli altoparlanti, accostabile a quello offerto dai classe "D" più autorevoli, ma con un surplus di musicalità che talvolta questi non posseggono. Note positive vengono anche dalla rappresentazione tridimensionale, ampia e profonda, anche se talvolta non raggiunge quei micidiali livelli di focalizzazione e chirurgicità peculiari dei migliori classe D. La voce del grande Faber rappresenta un test terribile per qualsiasi impianto poiché il suo timbro profondo ricorre in quella regione dello spettro che nei tre vie è riprodotta da midrange e woofer evidenziando in maniera impietosa eventuali scollamenti, rigonfiamenti delle mediobasse e deficienze di coerenza timbrica dei sistemi. La credibilità timbrica è messa insomma a dura prova e non di rado ho sentito capitolare anche setup di un certo pregio. Alla luce di queste considerazioni la resa nel capolavoro "Creuza de ma" è sicuramente convincente, scevra da evidenti difetti di coesione, tutto fila liscio nel segno di una musicalità sopraffina. Emozionante l'accuratezza microdinamica della chitarra baritono di Pat Metheny in "One Quiet Night", ogni frase è disegnata con felicità di penna, le suggestive trame sonore appaiono delicate e penetranti, nessun aspetto della riproduzione è trascurato in un equilibrio che definirei perfetto. Nello spirito dello Shinai si coglie un prezioso, insostituibile fattore, intendo dire quell’intrinseca credibilità, fatta di un'estrema ricchezza di dettagli, di descrizioni concrete e potenti vivificate da un’ineffabile luminosità. E netta la sensazione di essere cullati dalla musica, affrancati da eventuali limitazioni in tutti i parametri della riproduzione. Fedele alla classica raccomandazione dei caporedattori anglosassoni “Don't bury the lead”, non allontanarti dal fatto più importante, tutto l'universo sonoro dello Shinai ruota intorno all'alato concetto di una spada dai movimenti fulminei che seziona, spacca il capello in otto senza far mai violenza alle nostre orecchie.

E scusate se è poco...

Alfredo Di Pietro

Dicembre 2010


 Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2021 by DotNetNuke Corporation